Informativa cookie

Questo sito usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Ora sono bloccati, se riscontri problemi nell'uso del sito potrebbe essere dovuto a questo blocco. Clicca su OK per risolvere i problemi.

Convegno di Canavaccio Treno..bici..o bicitreno

ferrovia fano urbino

Politici e giornalisti fanno, come sempre, orecchie da mercante. Chi racconta il bicitreno come l’ultima chance per salvare la ferrovia fano-urbino-fermignano racconta una balla.

Se c’è una posizione che è emersa con chiarezza dal confronto organizzato a Canavaccio, dalla locale pro-loco, sul destino della fano-urbino è proprio quella che sostiene il suo ripristino completo.

Quasi un tifo da stadio, quello che ha accompagnato l’intervento di Giovanni Carboni, giovane ingegnere di FVM (associazione Ferrovie Valle Metauro) che ha ridicolizzato gli ultimi trent’anni della politica comunale e provinciale sulla questione ferrovia, con argomentazioni competenti e puntuali, frutto di una conoscenza approfondita, non solo tecnica, ma anche del ruolo politico-sociale che, da sempre, il trasporto su ferro ha rappresentato.

L’intervento di Carbone è stato tanto travolgente che tutti gli altri relatori sono sembrati sottotono e, a volte, fuori luogo. Le ipotesi di bicitreno e ciclabile sono apparse, a quella platea, insensate e ridicole, sia per la debolezza delle argomentazioni che volevano sostenerle, sia perché la dismissione definitiva della tratta è apparsa, con rinnovata chiarezza, come la conseguenza di un grave atto unilaterale e arbitrario dell’ex presidente provinciale Ricci.

E’ tanto vero ciò che scriviamo, che il Presidente del Consiglio Regionale Solazzi, non solo ha “sottoscritto una ad una” le parole dell’Ing. Carboni, ma ha dichiarato pubblicamente ed in modo inequivocabile la sua disponibilità ad aprire un “tavolo di lavoro” finalizzato al ripristino della tratta ferroviaria ed il cui primo passo, nelle sue intese, dovrà essere proprio quello della revoca del provvedimento di dismissione della tratta ferroviaria, di fatto voluto e imposto dall’ex presidente provinciale Matteo Ricci.

Se quindi è vero che la politica deve interpretare le istanze dei cittadini, il ripristino completo della tratta ferroviaria fano-urbino-canavaccio, appare come l’unica soluzione accettabile, possibile e da sostenere con forza . L’unica che la gente vuole.

Invitiamo quindi il sindaco di Urbino a convocare immediatamente la commissione consiliare per la ferrovia e ad attivarsi in tutte le sedi istituzionali per non far cadere nel vuoto l’invito e la disponibilità del presidente Solazzi.



Convegno Canavaccio intervento FVM ing. G. Carboni

Vittoriano Solazzi a Canavaccio

Matteo Ricci a Canavaccio

AddThis Social Bookmark Button